E' uscito il nuovo libro di Alfredo Parisi, acquistalo online

Memorial 2021 Felice Pulici

Presentato in Campidoglio il libro di Alfredo Parisi
 

In tema di green pass

27.07.2021- Green pass: ai fini del controllo un utile modello dal mondo del calcio.

La prossima entrata in vigore dell’obbligo della green pass e di titoli equivalenti per accedere a determinati luoghi, pone una problematica che è stata già affrontata e risolta per quanto riguarda l’accesso agli stadi di calcio.

Come noto, allo scopo di controllare tale accesso onde prevenire fenomeni di violenza, venne introdotta la figura dello steward.

Quest’ultima, in base ad una espressa e specifica normativa, con competenze in materia di controllo dell’identità del possesso dei titoli necessari per accedere agli stadi, di richiamo dei trasgressori all’osservanza delle norme e delle regole in vigore per tale accesso, di sollecito dell’intervento delle forze dell’ordine  ove necessario.

 

Quanto sopra, conformemente al dettato di cui all’art. 13 Costituzione, secondo cui la libertà personale è inviolabile, essendo vietata qualsiasi forma,[i]oltrechè di detenzione, di ispezione o  perquisizione personale, nonché qualsiasi altra restrizione della libertà personale, se non per atto autorizzato dall’Autorità Giudiziaria o nei soli casi e modi previsti dalla legge..

Ne discende, a mio avviso, che, sul modello della normativa concernente i predetti steward, a coloro ai quali è attribuita la competenza e la responsabilità di far osservare l’obbligo del possesso di green pass o di titoli equivalenti per accedere a determinati luoghi, vengano espressamente     e specificamente previste ex lege   le stesse competenze e responsabilità previste per gli steward.

Diversamente, titolari di esercizi pubblici e di imprese o loro incaricati destinatari dell’obbligo in questione sarebbero sforniti  delle competenze e dei poteri per farlo osservare. 

Non solo, ma costoro verrebbero esposti al rischio di denunce penali per aver svolto attività restrittive della libertà personali.

Aggiungasi che gli steward,  per rafforzarne le competenze ed il ruolo ,nonché per loro maggiore tutela penale, sono stati equiparati per legge a pubblici ufficiali, sia pure limitatamente a quanto attiene a violenze o minacce ricevute.

In mancanza di tali disposizioni normative ritengo impossibile e, comunque,assai arduo, pretendere che i destinatari del suddetto organo possano essere messi in grado di farlo rispettare. 

Senza tener conto che l’attività di controllo richiede che i destinatari dell’obbligo siano distolti dall’esercizio delle loro normali attività.

Resta da dire, peraltro, che mentre gli steward devo  possedere determinati requisiti e sono assoggettati ad uno specifico addestramento, non lo sono i destinatari e i loro incaricati dall’obbligo di far osservare il rispetto del possesso di green pass o di titoli equipollenti.

Né è possibile che, almeno nell’immediato, tali destinatari possano munirsi dei requisiti e dell’addestramento di cui trattasi.

Ritengo, altresì, a titolo di considerazione generale, che se uno Stato assume come essenziale e fondamentale per la tutela della salute pubblica una vaccinazione di tutta o di gran parte della popolazione non solo ha il diritto, bensì il dovere, di imporla per legge, assumendosene tutti gli oneri e le responsabilità.

D’altronde, già molte vaccinazioni sono state rese obbligatorie  nel nostro Paese.

Vaccinazioni obbligatorie assolutamente conformi  all’art. 32, 2° comma della Costituzione, esonerando dall’obbligo, per evitare di superare i limiti del rispetto della persona umana, quei soggetti che, mediante certificazione medica attestante.   a causa delle loro condizioni psicofisiche, la pericolosità o inidoneità delle vaccinazioni.

Altre soluzioni come la green pass e simili mi sembrano, invece, misure parziali, discriminatorie e surrettizie, volte, soprattutto, a scaricare su privati cittadini, quali in specie, commercianti e imprenditori, doveri, oneri e responsabilità che sono, o dovrebbero essere,  dello Stato e di chi lo governa.

Osservo che la libertà personale, solennemente sancita e declinata in tutte le sue espressioni e in tutti i suoi aspetti nella Parte I, Titolo I, della Costituzione, non è né frutto di una concessione sovrana né un premio che  graziosamente si dà o si toglie o si limita.

Preciso, infine, a scanso di dubbi  e sospetti che il sottoscritto si è già vaccinato contro il Covid 19 con le due dosi sinora prescritte ed è in possesso di green pass.

Avv. Massimo Rossetti

 



 

Perchè Iscriversi a FEDERSUPPORTER

Leggi tutto →

Per iscriversi a Federsupporter, occorrono solo due passaggi:

 

1) compilare il modulo di iscrizione che potete trovare qui

2) versare la quota associativa annuale di 20 euro tramite bonifico bancario o pagamento Sicuro OnLine tramite Carta di Credito

 

Il 10% della quota di iscrizione verrà destinato alla Onlus "proRETT ricerca" (www.prorett.org)

Potrai richiedere copia dei volumi editi da FederSupporter al costo preferenziale di 10 euro invece dei 20 euro .