E' uscito il nuovo libro di Alfredo Parisi, acquistalo online

Memorial 2021 Felice Pulici

Presentato in Campidoglio il libro di Alfredo Parisi
 

Come i Club ignorano i tifosi

09.02.2022- L’INDICE DI MARGINALITA’ DEI TIFOSI

 Molto si è parlato e si parla dell’indice di liquidità delle società di calcio. Non si è parlato e non si parla invece di un altro importante indice:  l’indice di marginalità dei tifosi. Questi ultimi infatti sembrano del tutto ignorati e dimenticati con riferimento ai  loro diritti ed interessi. Circa queste ignoranza e dimenticanza ricordo quanto segue.

 

L’art. 4 della Legge 8 agosto 2019,n.86, entrata in vigore il 31 agosto successivo ha previsto, modificando l’art.10 della Legge 23 marzo 1981,n.91,sul professionismo sportivo, che le società sportive, entro il termine, da ultimo, prorogato al 28 febbraio 2021, dovrebbero prevedere l’introduzione  nei propri atti costitutivi di un organismo collettivo che provveda, con pareri obbligatori ma non vincolanti, alla tutela degli interessi specifici dei tifosi.

Ciò premesso, vi è da chiedersi se le società sportive, in particolare calcistiche, abbiano finora adempiuto alla predetta normativa, pur con tutti i limiti di quest’ultima, puntualmente ed autorevolmente evidenziati dal Prof. Piero Sandulli  nel suo Saggio “ Un nuovo ruolo per i tifosi. Riflessioni intorno all’art. 4 della legge n.86/2019( RDES- n.1/2020), pubblicato, dietro gentile concessione dell’Autore, su www.federsupporter.it.

Sarebbe da chiedere alla FIGC se e in caso affermativo quali società di calcio abbiano, entro il termine stabilito dalla legge, provveduto all’inserimento nei propri atti costitutivi dell’organismo in questione.

E nei confronti di quelle società che non l’avessero fatto, se la stessa FIGC così come previsto dall’art. 13 della Legge 91/1981, abbia provveduto alla denuncia ai Tribunali competenti nei confronti degli amministratori delle società inadempienti per violazione dei loro doveri ex art. 2409 C.C.

Intervento che può portare alla revoca degli amministratori delle società inadempienti alla loro sostituzione con amministratori giudiziari.

Sottolineo che nelle conclusioni del suo citato Saggio il Prof. Sandulli rimarca che “ i tifosi dovrebbero assumere un nuovo ruolo di protagonisti attivi, non meri fruitori di uno spettacolo….. Va costituito un rapporto di reciproca collaborazione tra erogatore e fruitore dello spettacolo che tenga conto delle diverse esigenze …. Sarà poi necessario dar vita ad un Organismo nazionale dei tifosi, riconosciuto dalla Federazione come avviene già per altri organismi associativi satelliti ( ADISE,AIC, Assoallenatori, Medici Sportivi) che ruotano nell’ambito del mondo sportivo, valutando anche il diritto di esprimere un componente, senza diritto di voto, ma di parola, limitatamente ai temi relativi alla tutela dei tifosi nel Consiglio Federale”.

Sempre nel citato Saggio, l’Autore rimarca, altresì, che i tifosi sono, a tutti gli effetti, dei consumatori e, quindi, come tali aventi diritto a tutte le tutele di cui al Codice del Consumo.

L’organismo previsto dalla Legge 86/2019 già c’è, o  più precisamente ci sarebbe, così come già c’è- ci sarebbe- l’Ente esponenziale dei diritti e degli interessi collettivi dei tifosi.

Organismo che può identificarsi in Federsupporter, solo che quest’ultima non fosse stata e non fosse ignorata dalle Istituzioni statali e sportive,  dai mass media e, purtroppo anche da molta parte dei tifosi stessi, nonostante gli sforzi profusi e che profonde ed anche i successi ottenuti, pur con scarsità di mezzi e risorse e in mancanza di visibilità, a tutela di quei diritti ed interessi.

Successi quali, ad esempio, in materia di tessera del tifoso e nella sua trasformazione in fidelity card, grazie alla collaborazione con l’Osservatorio sulle Manifestazioni Sportive (ONMS) dell’epoca, di denuncia della illegittimità del DASPO collettivo, di sollecitazione all’attivazione nei club  della funzione del Supporter Liaison Officer (SLO),di esclusione dai contratti di abbonamento e di vendita di biglietti di gravose clausole vessatorie delle società imposte ai tifosi , spesso inconsapevoli. La recente condanna (3 gennaio 2022) da parte del Tribunale di Roma della AS Roma è significativa.

Circa, infine, la tutela dei diritti e degli interessi dei tifosi quali piccoli azionisti, si ricorda che il Consiglio di Stato, Sezione VI, con sentenza 1 dicembre 2009, ha osservato che, sotto il profilo più strettamente  interno alla vita societaria, una partecipazione di minoranza “ pur non essendo decisiva per il controllo della società, poteva incidere nelle assemblee straordinarie, comportava una serie di diritti societari non irrilevanti”.

Non è vero, dunque, che i tifosi, quali piccoli azionisti, sono privi di diritti e di poteri, mentre è vero che, senza riunirsi ed associarsi, per esempio ad un Ente come Federsupporter, non potranno e non riusciranno a farli valere.

 

Avv. Massimo Rossetti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                       

Perchè Iscriversi a FEDERSUPPORTER

Leggi tutto →

Per iscriversi a Federsupporter, occorrono solo due passaggi:

 

1) compilare il modulo di iscrizione che potete trovare qui

2) versare la quota associativa annuale di 20 euro tramite bonifico bancario o pagamento Sicuro OnLine tramite Carta di Credito

 

Il 10% della quota di iscrizione verrà destinato alla Onlus "proRETT ricerca" (www.prorett.org)

Potrai richiedere copia dei volumi editi da FederSupporter al costo preferenziale di 10 euro invece dei 20 euro .