E' uscito il nuovo libro di Alfredo Parisi, acquistalo online

Memorial 2021 Felice Pulici

Presentato in Campidoglio il libro di Alfredo Parisi
 

STURM GRAZ: Lazio dov’è la testa ?

LA LAZIO NON VA OLTRE IL PARI IN AUSTRIA

 Brutti primi 45’ per l’undici di Sarri che soffre la pressione alta dei padroni di casa non riuscendo quasi mai a imporre il proprio gioco.

Nel finale la partita cambia:cala lo Sturm Gra;,Immobile segna ma il var lo annulla.

Biancocelesti che tornano a Roma con solo un punto,dopo una prestazione non brillantissima.

Squadra probabilmente stanca, apparsa poco lucida in diverse fasi del match e forse la causa è da ricercare in una profondità di rosa che, poi,così profonda non è: solo due cambi rispetto all’undici sceso in campo domenica contro lo Spezia.

Sarri può, tuttavia, vedere il bicchiere mezzo pieno; per la quarta volta nelle ultime 5 gare ,tra campionato ed Europa,eccezion fatta per i 5 gol danesi, Provedel termina la partita senza mai dover raccogliere il pallone dalla rete alle sue spalle.

Reparto difensivo, dunque, unica nota positiva del match che consente ai biancocelesti di non tornare a casa a mani vuote ma con un punto che, considerato  l’andamento dell’incontro per più di 70 minuti,è da considerarsi più che positivo in vista del girone di ritorno.

Fischio d’ inizio ed è subito Sturm Graz; punizione per i padroni di casa dai 40 metri, Provedel esce male e palla che, dopo una carambola in mischia, viene salvata nei pressi della linea da Hysaj.

La Lazio soffre la pressione alta e asfissiante dei padroni di casa che non fanno respirare la manovra degli undici in maglia biancoceleste.

Tanti errori tecnici e difficoltà a uscire palla al piede per i capitolini che, tuttavia, al minuto 12, dagli sviluppi di un corner, vanno vicini al vantaggio: Luis Alberto calcia dalla bandierina, interviene male il numero uno degli austriaci nel tentativo di liberare e palla che si infrange sul palo.

Poi solo Sturm Graz: prima con un tiro da fuori di Boving, poi con un colpo di testa da corner, Provedel non ci sta e mantiene i suoi sullo 0 a 0.

Primo tempo che prosegue così come è in iniziato :recupero palla alto dell’undici di Ilzer, agevolato anche dai molti errori tecnici e dalla superficialità degli ospiti in uscita dal basso, e svariati tentativi di tiri da fuori.

Il dato dei tiri, al duplice fischio del signor Bastien, è di 10 a 1 per i padroni di casa. Si rientra negli spogliatoi sullo 0 a 0.

Seconda frazione che inizia, ancora, con gli uomini in maglia nera all’attacco.

La prima occasione capita sui piedi di Affengruber ; minuto 51 Ajeti stoppa palla su un traversone in area, la sfera diventa buona per il numero 42 dello Sturm che, però, è un difensore e non lo nasconde affatto in questa occasione: palla colpita non benissimo che termina sul fondo.

Dopo qualche minuto dalla Lazio si riaffaccia dalle parti di  Siebemhandl con una palla messa in mezzo bene da Pedro su cui Immobile si allunga non riuscendo a trovare la porta avversaria.

Padroni di casa che cominciano a sentire le fatiche di 70 minuti giocati ad un ritmo forsennato. Al minuto 72 ospiti ancora vicini al vantaggio, ancora con Immobile; Cancellieri si sostituisce a Pedro ed infila per il capitano biancoceleste che, da posizione molto defilata, tenta di scavalcare il portiere dello Sturm il quale,però,  riesce a deviare il tentativo fuori dallo specchio.

Minuto 79 e la partita sembra prendere finalmente una direzione.

 Hysaj lancia per il numero 17 della Lazio, lasciato molto solo dalla difesa avversaria,punta il portiere, lo supera e appoggia in rete per il vantaggio biancoceleste.

La bandierina dell’assistente rimane giù ma il var non è dello stesso avviso,richiamato Bastien e gol annullato per posizione irregolare del bomber laziale.

Due minuti più tardi, altra svolta della partita; Gazibegovic, già ammonito, abbatte Zaccagni in uscita palla al piede e si vede estrarre il cartellino per la seconda volta in giornata.

Sturm Graz dunque che rimane in 10 per gli ultimi minuti dell’incontro.

Finale in cui non succede nulla da segnalare e triplice fischio del direttore di gara francese.

Lazio e Sturm si spartiscono la posta in palio nell’attesa di rincontrarsi all’Olimpico tra una settimana.

 Simone Orsili

 

 

Perchè Iscriversi a FEDERSUPPORTER

Leggi tutto →

Per iscriversi a Federsupporter, occorrono solo due passaggi:

 

1) compilare il modulo di iscrizione che potete trovare qui

2) versare la quota associativa annuale di 20 euro tramite bonifico bancario o pagamento Sicuro OnLine tramite Carta di Credito

 

Il 10% della quota di iscrizione verrà destinato alla Onlus "proRETT ricerca" (www.prorett.org)

Potrai richiedere copia dei volumi editi da FederSupporter al costo preferenziale di 10 euro invece dei 20 euro .