E' uscito il nuovo libro di Alfredo Parisi, acquistalo online

FederSupporter e AVIS per uno sport più sano

Presentato in Campidoglio il libro di Alfredo Parisi
 

Soldi, soldi, soldi questa la strategia innovativa del mondo del calcio !!!

25.03.2020 - Le richieste della FIGC al Governo : provvidenze e  benefici  perché tutto possa rimanere  come prima.

Molti sostengono che, dopo la pandemia da coronavirus, nulla potrà restare come prima. A questa idea fa eccezione il mondo del calcio che, invece, mostra di pensare che per esso tutto debba rimanere come è.

Significativa è l’introduzione di un articolo di Fulvio Bianchi del 22 marzo su” www.larepubblica.it; “Il mondo del calcio, anche in questa occasione, sta dando pessima immagine di sé. Spaccato. Litigioso. Il presidente della Figc, Gabriele Gravina, che ha gestito la crisi con decisione e buon senso, venerdì presenterà al Governo un piano di richieste di aiuti.”

Piano  che, a seguito della pandemia, la FIGC starebbe  inoltrando al Governo ,( fonti: www.fiorentina.it,www.inter1908.it,www.tuttoregina.it,www.retesprot,www.larepubblica.it,www.giallorossi.net), presentando   una serie di richieste che possono essere così  sintetizzate :

1- Nuove regole per facilitare la costruzione delle infrastrutture.

2- La salvaguardia della legge Melandri.

3- Norme per alleggerire costi dell’inattività.

4- Deroghe temporanee sui contributi.

5- Nuove fonti d’investimento e recupero di finanziamenti da agenzie di     scommesse.

6- Defiscalizzazione per favorire l’ingresso di investitori esteri.

Ciò premesso, cerchiamo di comprendere,  punto per punto che cosa, in realtà, vogliano significare tali richieste.

Leggi tutto...


Solidarietà e tifosi

23.03.2020 -MOVIMENTO CONSUMATORI E FEDERSUPPORTER: LE SOCIETA' DI SERIE A SEGUANO ESEMPIO DEL PARMA E LASCINO AI TIFOSI LA SCELTA DI DEVOLVERE I RIMBORSI PER L'EMERGENZA SANITARIA

Movimento Consumatori e Federsupporter chiedono alle società di Serie A che hanno disputato partite a porte chiuse di seguire l’esempio del Parma Calcio 1913.

La società emiliana nei giorni scorsi ha offerto il rimborso della quota dell'abbonamento relativo alla partita Parma - Spal, giocata senza spettatori durante l’ultima giornata di Serie A o, in alternativa, la scelta di destinare le stesse somme all’Ospedale Maggiore di Parma.

E' un gesto importante che allo stesso tempo tutela i consumatori e che dà un segnale di condivisione di questo momento difficilissimo per il Paese.

L’8 marzo scorso sono state disputate anche Juventus-Inter, Sampdoria-Verona, Milan-Genoa, Udinese-Fiorentina. Movimento Consumatori rappresenta 200 abbonati bianconeri e acquirenti di biglietti per la partita Juventus-Inter che nei giorni scorsi hanno chiesto, formalmente, i rimborsi alla società torinese, senza ottenere alcuna risposta. 

MC, insieme a Federsupporter, chiede che l’iniziativa del Parma sia replicata da tutte le società per le gare già disputate a porte chiuse e per quelle che potranno essere annullate o giocate senza pubblico.

“Riteniamo che la lodevole iniziativa del Parma - afferma Marco Gagliardi del servizio legale MC  - debba essere seguita da tutte le società di Serie A, non solo come segno di rispetto dei diritti dei tifosi, perché il rimborso è dovuto, ma anche come opportunità. La scelta di devolvere agli ospedali quanto pagato per l’abbonamento o il biglietto è uno strumento concreto per aiutare i medici e il personale sanitario che stanno giocando una partita ben più importante di quella dell’ultima giornata di campionato

I tifosi della Sampdoria hanno già formulato richiesta alla società genovese di devolvere direttamente al Policlinico San Martino i loro rimborsi.

Auspichiamo che anche tutti i tifosi anche delle altre squadre sollecitino in tal senso le società sportive.

"Simili interventi da parte dei tifosi, oltre ad offrire un concreto contributo all’emergenza - afferma Alfredo Parisi, presidente di Federsupporter - costituiscono un significativo esempio di solidarietà che contribuisce all’aggregazione di un'importante componente del mondo sportivo che, di recente ha visto riconoscere il diritto al rimborso, sancito da un preciso orientamento della magistratura e oggetto di procedimenti dell’Agcm, diritto al quale non possono essere frapposte condizioni, e/o problematiche pseudo-amministrative”.

Per sostenere l’iniziativa o chiedere i rimborsi, i tifosi possono contattare il Movimento Consumatori scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e/o  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Il Presidente

Alfredo Parisi

 

 


La Lega di Serie A: che lobby !!!

22 marzo 2020- Due le alternative per i giocatori che sono per legge lavoratori dipendenti: un accordo collettivo per la Cassa integrazione con Leghe e Figc, oppure un’altra intesa che preveda una chiusura aziendale per ferie collettive

In queste ore la Lega Serie A, così come si è avuto  modo di leggere su articoli di stampa (cfr. Dario Marchetti, apparso il 20 scorso su www.tuttomercato.web), avrebbe manifestato,”la volontà unanime dei club di sospendere i salari di marzo dei giocatori”. Ma, soprattutto, qualora l’attuale emergenza epidemica si protragga ulteriormente, di richiedere “un intervento del Governo per digerire le perdite di circa 700 milioni”.

Sul primo punto si rimanda all’ approfondita analisi dell’Avv. Massimo Rossetti in merito agli effetti dell’emergenza sul rapporto di lavoro calciatori-Club, rilevando, nel contempo, la “strana” affermazione del Presidente dell’AIC Tommasi che “Il problema del taglio degli stipendi va posto a tempo debito. L’AIC non può imporre ai calciatori di accettare eventuali tagli”.

Sul secondo aspetto, mi permetto di richiamare l’attenzione sull’assurdità della richiesta che potrebbe essere avanzata dalla Lega Serie A al Governo.

E’, infatti, impensabile che, in un momento come l’attuale, dove l’emergenza epidemica coinvolge non solo le persone ma tutta l’economia del nostro PAESE, i cui effetti catastrofici non sono, allo stato, quantificabili, il mondo del calcio, dopo aver ignorato qualsiasi invito del Ministro dello Sport (3 marzo 2020) a sospendere le gare, abbia ora il coraggio di avanzare una ipotesi di sussidio governativo, socialmente e moralmente inaccettabile.

Quanto sopra tenendo, inoltre, presente che le società di calcio altro non sono che imprese e che come tali devono essere trattate alla pari di tutte le altre.

 Alfredo Parisi

Presidente Federsupporter

Leggi tutto...



Perchè Iscriversi a FEDERSUPPORTER

Leggi tutto →

Per iscriversi a Federsupporter, occorrono solo due passaggi:

 

1) compilare il modulo di iscrizione che potete trovare qui

2) versare la quota associativa annuale di 20 euro tramite bonifico bancario o pagamento Sicuro OnLine tramite Carta di Credito

 

Il 10% della quota di iscrizione verrà destinato alla Onlus "proRETT ricerca" (www.prorett.org)

Potrai richiedere copia dei volumi editi da FederSupporter al costo preferenziale di 10 euro invece dei 20 euro .