E' uscito il nuovo libro di Federsupporter

Da Repubblica.it:
Calcio, Parisi, "Le società padronali sono fuori mercato: coinvolgano i tifosi"

Vedi il video 

L'impresa sportiva come impresa di servizi: il supporter consumatore

Di Alfredo Parisi e Massimo Rossetti

Allo STADIO: una domenica di ordinaria folllia.

La minicronaca  che segue racconta l’esperienza di un tifoso , socio di Federsupporter,  medico professionista di 50 anni, che si reca allo Stadio Olimpico di Roma per assistere ad una partita che di pericoloso aveva soltanto il freddo:  la squadra incontrava, infatti, il Pescara.

Leggi tutto...


La Cina è vicina

                                                       20 gennaio 2017

SS LAZIO : come ti riporto i tifosi allo stadio. “ La Cina è vicina”

Secondo una graduatoria di “Deportas y Finanzia”, sito spagnolo che si occupa di sport sul piano economico ( cfr. “La Gazzetta dello Sport”, pag. 43, del 16 dicembre scorso, articolo a firma di  Nicola Berardino), la SS Lazio che, quest’anno,  ciascuno indovini perché, non comunica ufficialmente i dati degli spettatori presenti allo stadio per le partite in casa, risulta all’ultimo posto in Italia nella percentuale ( 26,82%) di capienza dello stadio occupato dal pubblico.

Una percentuale inferiore addirittura a quelle, per esempio, del Chievo ( 33,43 % ), del Pescara ( 37,56%), del Crotone ( 46,62%) e del Palermo ( 37,56%).

A fronte di questi dati certamente non esaltanti che cosa fa la SS Lazio ?

Invece di chiedersi se la politica e la gestione societarie perseguite fino ad oggi c’entrino, per caso, qualcosa con il suddetto, vertiginoso tracollo di spettatori, il Responsabile della Comunicazione della Lazio, Arturo Diaconale, in una sua intervista all’emittente televisiva romana “ Cittàceleste” del 18 gennaio scorso, ha affermato che “ Chi non va all’Olimpico non è un tifoso della Lazio… Se i laziali protestano nonostante l’ottimo campionato non possiamo farci niente. Sono masochisti “ .

Avete capito tifosi della Lazio ? 

Non sono sbagliate la politica e la gestione societarie, siete “ sbagliati” Voi ; anzi, sietemasochisti”.

Parole che, non solo non appaiono funzionali a riportare i tifosi allo stadio, ma che, viceversa appaiono idonee a far sì che quei pochi, quella “ sparuta minoranza”  che ancora si ostina ad andarci, non ci vada più.

Quanto all’ “ ottimo campionato”, il dr. Diaconale dovrebbe chiedersi come mai i tifosi laziali disertano lo stadio sia che il campionato sia “ ottimo” sia che “ faccia schifo”.

Cosa che dovrebbe suggerire come  l’abbandono e la desertificazione dello stadio prescindano dall’andamento del campionato e risiedano in ben altre cause, quali, per esempio, la politica e la gestione societarie sin qui seguite, soprattutto nei confronti dei tifosi.

Questi ultimi, come dimentica o finge di dimenticare il dr. Diaconale, ripetutamente vilipesi e offesi dall’azionista di maggioranza e Presidente del Consiglio di gestione della SS Lazio, mediante eleganti e sublimi epiteti.

Ma, evidentemente, il dr. Diaconale ritiene che il tifoso debba recarsi allo stadio, come direbbe il mitico Totò, “ a prescindere” Bisogna, però, dare atto alla SS Lazio che si sta attivamente adoperando per riempire lo Stadio Olimpico.

L’ultima, in ordine di tempo, iniziativa in questo senso è rappresentata dalla vendita ai cittadini cinesi , al prezzo di € 5,00, di biglietti nel settore Tribuna Tevere per la partita Lazio –Chievo del 28 gennaio prossimo.

In un Comunicato ufficiale della Società si legge che tale iniziativa è stata adottata in concomitanza con il Capodanno cinese che, per l’appunto, coincide con il 28 gennaio prossimo, onde “ consentire di festeggiare il Capodanno in modo diverso, vista la passione dei cinesi per il calcio” .

L’evento, così prosegue il Comunicato, “ organizzato in totale collaborazione con l’Ambasciata cinese “ trova le sue motivazione nel fatto che, quello cinese, “ è un mercato in continuo aumento, lo vediamo a tutti i livelli. La Cina sta sempre più focalizzando la sua attenzione sul mondo del calcio, anche noi vogliamo crearci uno spazio importante in questo mercato in continua espansione”.

Motivazioni senz’altro lodevoli e condivisibili.

Forse, però, i tifosi laziali , almeno quelli tradizionali, di antica fede e non di nazionalità cinese, alla partecipazione di cittadini della Cina a partite della Lazio, preferirebbero che qualche investitore cinese, così come avvenuto per l’Inter e così , come  probabilmente, avverrà per il Milan, diventasse azionista, magari di maggioranza, della stessa Lazio spa.

Ma si sa, i tifosi della Lazio, per dirla con il dr. Diaconale, sono “ masochisti” e, quindi, con loro ci vuole pazienza, un po’ come con quegli elettori che “ sbagliano” quando votano in un modo che non piace ai potenti o, per meglio dire, ai prepotenti di turno.

 A me, personalmente, anche in questo caso, non possono che sovvenire le parole del mitico Totò :” Ma ci facciano il piacere !” .

Per finire, ricordo che “ Senza passione non c’è pubblico. E senza pubblico non c’è spettacolo. Non c’è mercato. Non ci sono risorse ( cfr. “Calcio e politica – Il declino triste delle nostre passioni “ di Ilvo Diamanti e Luigi Ceccarini nel n. 5 /2016 della Rivista Limes”).

 Avv. Massimo Rossetti

 

 

 


“Quer pasticciaccio brutto de Tor di Valle"

                                                                 12 gennaio 2017

Credo che mai  come in questo caso il titolo riesca ad illustrare la situazione venutasi a creare nei rapporti tra l’Amministrazione capitolina ed il proponente il Progetto  Stadio Tor di Valle .

La cronaca della quarta riunione della Conferenza di servizi, cui ha partecipato Federsupporter , tramite l’Avv. Massimo Rossetti, dipinge un quadro tanto semplice e chiaro quanto drammatico nell’incapacità di trovare, forzatamente, una soluzione ad una delibera , quella del 22 dicembre 2014, che pone condizioni  realisticamente irrealizzabili. Ed ora ?

Di seguito la Relazione dell’Avv. Rossetti su quanto emerso nella riunione odierna.

Leggi tutto...



Perchè Iscriversi a FEDERSUPPORTER

Leggi tutto →

Per iscriversi a Federsupporter, occorrono solo due passaggi:

 

1) compilare il modulo di iscrizione che potete trovare qui

2) versare la quota associativa annuale di 20 euro tramite bonifico bancario o pagamento Sicuro OnLine tramite Carta di Credito

 

Il 10% della quota di iscrizione verrà destinato alla Onlus "proRETT ricerca" (www.prorett.org)

Potrai richiedere copia dei volumi editi da FederSupporter al costo preferenziale di 10 euro invece dei 20 euro .